Intenzione di Preghiera

NUOVO SITO DELLA BASILICA DI SAN PAOLO
www.basilicasanpaolo.org

EVENTI CULTURALI PER LA CHIUSURA DELL’ANNO PAOLINO
E una conferenza stampa del cardinale Andrea di Montezemolo nella Sala Stampa della Santa Sede.

Roma, 23/04/2014

Sito Ufficiale della Santa Sede JOSP
Anno Paolino Eventi Servizi Ufficio Stampa Basilica di San Paolo         

L´Apostolo delle Genti
 
Paolo di Tarso (Saulo in origine), canonizzato come San Paolo apostolo († 67), non conobbe Gesù in vita, come i Dodici Apostoli, ma fu il primo ad avere come esperienza solo quella del Cristo Risorto.
 
Nacque a Tarso ed in giovinezza fu mandato a Gerusalemme, dove ricevette un insegnamento rigoroso della Legge presso il rabbino Gamaliele il Vecchio.
 
Dopo alcuni anni tornò a Tarso, poiché non era presente a Gerusalemme durante la predicazione di Gesù, e fece ritorno a Gerusalemme dopo pochi anni dalla passione del Cristo.
 
In questa fase della sua vita Saulo fu un attivo fariseo: fu testimone della lapidazione di Stefano tenendo gli abiti degli uccisori, come descritto negli Atti degli Apostoli (At 8, 1-3), e presto ricevette il compito di andare a Damasco ad imprigionare i cristiani di quella città (At 9,2) essendo particolarmente zelante e deciso contro la religione di Gesù, che cominciava a diffondersi e affermarsi.
 
La sua conversione avvenne sulla strada per Damasco, quando improvvisamente una luce dal cielo l’avvolse e cadendo a terra udì una voce che gli diceva: “Saul, Saul, perché mi perseguiti?”.
 
Saulo rimase senza vista e brancolando, e per tre giorni restò in attesa di qualcuno, digiuno e sconvolto da quanto gli era capitato; da quel momento, si può dire, nacque Paolo, l’apostolo delle Genti: egli decise di ritirarsi nel deserto, per porre ordine nei suoi pensieri e meditare più a fondo il dono ricevuto, e qui trascorse tre anni in assoluto raccoglimento.
 
Confortato da questa luce, dopo il ritiro ritornò a Damasco e si mise a predicare con entusiasmo, suscitando l’ira dei pagani, che lo consideravano un rinnegato e tentarono di ucciderlo, cosicché fu costretto a fuggire.
 
Rifugiatosi a Gerusalemme, si fermò qui una quindicina di giorni incontrando Pietro il capo degli Apostoli e Giacomo, ai quali espose la sua nuova vita.
 
Gli Apostoli lo capirono e stettero con lui ogni giorno per ore ed ore, parlandogli di Gesù; ma la comunità cristiana di Gerusalemme era diffidente nei suoi riguardi, memore della persecuzione accanita che aveva operato; soltanto grazie alla garanzia di Barnaba, un ex levita di grande autorità, i dubbi furono dissipati e fu accettato.
 
Anche a Gerusalemme, nei quindici giorni della sua permanenza, Paolo cercò di fare qualche conversione, ma questa sua attività missionaria indispettì i giudei e impensierì i cristiani, alla fine non trovandosi a suo agio, si recò prima a Cesarea e poi tornò a Tarso in Cilicia, la sua città, riprendendo il mestiere di tessitore.
 
L´incontro di Pietro e Paolo
Dal 39 al 43 non vi sono notizie sulla sua attività, finché Barnaba, inviato dagli apostoli ad organizzare la nascente comunità cristiana di Antiochia, passò da lui invitandolo a seguirlo; qui Paolo abbandonò per sempre il nome di Saulo, perché si convinse che la sua missione non era tanto fra i giudei, ma fra gli altri popoli che gli ebrei chiamavano ‘gentili’; fu ad Antiochia che i discepoli di Cristo furono denominati per la prima volta come “cristiani”.
 
Con Paolo, in pochi anni ed in modo ardente, “la Parola esce da Gerusalemme" e "la Legge esce da Sion”, come era stato profetizzato dal profeta.
 

 

BASILICA DI SAN PAOLO > SAN PAOLO

  L’APOSTOLO DELLE GENTI
  I VIAGGI MISSIONARI
  LA CONVERSIONE A CRISTO
  GLI INIZI DEL MINISTERO
  IL CONCILIO DI GERUSALEMME
  VERSO LA GRECIA
  LE PRIME STRUTTURE DELLA CHIESA
  A GERUSALEMME
  IL VIAGGIO DELLA CATTIVITÀ
  IL MARTIRIO A ROMA

Calendario Eventi e Visite
(riferirsi all'Italiano):
  
 
Untitled
<<  APRILE 04  >>
L   M   M   G   V   S   D





Intenzione di Preghiera

Chiunque voglia può inviare le proprie preghiere attraverso il formulario qui di seguito

Indulgenze Plenarie

In occasione dei duemila anni dalla nascita del Santo Apostolo Paolo, vengono concesse speciali Indulgenze.

Saeculo XX expleto postquam Sanctus Apostolus Paulus in terris ortus est, speciales conceduntur Indulgentiae.

Il Padre Priore dell'Abbazia di San Paolo Fuori le Mura ha composto un inno in onore dell'apostolo delle genti.
Per leggerne il pentagramma ed ascoltarlo, andare sul sito:

www.abbaziasanpaolo.net
Copyright © 2014 Basilica Papale San Paolo Fuori le Mura - made in Bycam